Il Motogiro dei Colli del Prosecco | Prosecco Ride 2020 celebra le colline del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene divenute Patrimonio UNESCO., dove si produce il prestigioso vino DOCG.

L’itinerario del Motogiro Colli del Prosecco arriva sui colli del Conegliano e Valdobbiadene, adagiati in sinistra Piave, partendo da Asolo e percorrendo una strada anch’essa piena di poesia, belvedere e prodotti tipici di eccellenza. Si tratta della Strada del Vino del Montello e Colli Asolani, un Prosecco anch’esso di Denominazione di Origina Controllata e Garantita (DOCG) massimo livello qualitativo. 


La strada dei Vini del Montello e Colli Asolani

La strada dei Vini del Montello e Colli Asolani segue un percorso semplice e lineare, che attraversa luoghi di grande rilevanza con svariati spunti di interesse. La strada inizia a Nervesa della Battaglia e, attraversando i comuni del versante sud del Montello, riprende da Montebelluna e da qui si accosta alle colline, raggiungendo Caerano San Marco. Da vedere i luoghi della Grande Guerra che ha lasciato un segno netto nella toponomastica della zona, nei resti di trincee, nei reperti conservati nei musei, nei rifugi, nei mausolei, nei monumenti ai caduti. L’itinerario risale poi verso Cornuda e prosegue per Maser dove è possibile visitare la celebre Villa del Palladio. La strada si chiude ad Asolo, borgo tutto medievale, dominato dai resti della possente Rocca, già esistente nel Basso Impero, dalla quale si poteva sorvegliare la pianura.

Tra una visita in cantina e una degustazione in un territorio che è capitale mondiale della scarpa sportiva, si possono ammirare i tesori delle splendide ville che i Veneziani costruivano per sovrintendere i lavori delle terre, andare alla scoperta delle testimonianze della Grande Guerra, visitare antichi borghi medievali, o approfittare della cucina locale che trae pregiata materia prima dai tanti prodotti del territorio come i funghi del Montello, i marroni di Monfenera, il fagiolo nano di Levada, la ciliegia di Maser, il formaggio Morlacco del Grappa, l’olio di oliva DOP Veneto del Grappa.

Da vedere percorrendo la Strada sono l’itinerario segnalato della Grande Guerra con i resti dell’Abazia di S. Eustachio, monumenti, trincee, postazioni, sacrari e numerose altre testimonianze. Asolo, antico borgo medievale sede della corte della Regina Cornaro, Possagno città natale di Antonio Canova con la splendida Gipsoteca e il Tempio Canoviano dal quale si domina la verdeggiante Val Cavasia. Le ville venete, tra le quali la Villa di Maser capolavoro del Palladio affrescata dal Veronese. Il monte Grappa, le sue malghe e il sacrario.

Fonte: MarcaDoc.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *